Attualità // Cover Story

CAPTO Beyond Security: segnare la meta nella sicurezza

Condividi

CAPTO Beyond Security, l'innovativa realtà nella Distribuzione di Sicurezza è la protagonista della Cover Story del numero 56 di S News, una cover tutta italiana che nel messaggio della squadra e dei principi fondanti del rugby focalizza la filosofia stessa dell’azienda.

Presentatasi a fine 2020, Capto scende letteralmente in campo con i protagonisti che con lei contribuiranno a tracciare l’Evoluzione del Mercato della Sicurezza in Italia, e non solo.

Incontriamo quindi Stefano Comissari, Direttore Commerciale CAPTO, o, potremmo anche dire, Coach Capto.

Prima di presentare la squadra, coach, a quali esigenze del mercato della sicurezza dà risposte Capto?
Il mercato della Sicurezza in Italia è un mercato che sta maturando ed evolvendo, ed ha necessità di avere al suo interno degli attori competenti, riconoscibili, aggreganti.
In questo tipo di mercato, Capto si pone l’obiettivo di diventare punto di congiunzione forte tra i distributori e quindi gli installatori di sicurezza, e i produttori e, a cascata, il mercato vero e proprio. Non è sempre facile far coincidere gli interessi e le scelte di produttori e distributori: in tal senso noi di Capto lavoriamo per essere il collettore tra queste entità.
Per raggiungere un tale obiettivo, servono collegialità nella visione, un’idea chiara del piano di sviluppo e la capacità di tessere relazioni lavorative e personali affidabili e durature: questo è quello per cui tutti i giorni lavoriamo!

Perché avete scelto il rugby?
I principi fondanti del rugby sono: avanzare, sostenere, continuare ed a mio parere si adattano perfettamente a quella che è la filosofia di Capto. Avanzare: nel senso di spingersi oltre, creare opportunità di business in ottica win win tra produttori e distributori.
Sostenere: proprio come nel rugby fa il pilone, e la squadra di Capto supporta i distributori sul territorio nazionale, fornendo valore aggiunto e servizi tangibili. Continuare: che è forse il principio che sento più mio, significa credere in quello che stiamo facendo, porsi obiettivi ambiziosi, e segnare la meta.
Nessuna squadra meglio della Benetton Rugby di Treviso, della quale siamo sponsor ufficiale, rappresenta questa tenacia nel migliorarsi e creare un gruppo forte.

Capto_RugbyIniziale

Assieme a Stefano Comissari al centro, alcuni dei giocatori della Benetton Rugby Treviso e precisamente da sinistra: Edoardo Padovani, Luca Morisi, Tommaso Allan, Michele Lamaro, Tiziano Pasquali.

Bene, adesso siamo davvero pronti per conoscere la sua squadra! Ce la presenta?
Devo dire che la nostra è senza dubbio una squadra in cui si punta all’eccellenza, in cui tutti giocano da titolari e hanno un ruolo preciso. Questo, fin da subito, è stato un aspetto cruciale nell’individuazione dei fornitori con cui stringere una partnership solida e che fosse realmente interessante per tutti gli attori coinvolti, consentendo ad ognuno di mantenere la propria identità.
Le aziende produttrici che hanno deciso di affidarsi a Capto sono accomunate da alcuni principi cardine: sono innovative e hanno voglia e capacità di anticipare i cambiamenti del mercato e non di subirli; sviluppano prodotti con la ricerca e la cura che caratterizza la nostra splendida nazione nel mondo; fanno rete e non vivono arroccate nella propria nicchia di prodotto ma si aprono a collaborazioni e ad integrazioni, e questo le rende davvero capaci di cogliere le esigenze specifiche e, sinergicamente, di rispondervi.
I produttori, ovvero Axel, Italiana Sensori, Pixvideo, Sicep e Sylco, che si sono affidati a noi di Capto, hanno per obiettivo quello di intrecciare competenze, know how e qualità per confrontarsi come una squadra sul mercato della sicurezza nazionale.


Capto_Rugby1

Edoardo Padovani, estremo, AXEL                                         Luca Morisi, centro, SYLCO

Una squadra per segnare la meta, prepara delle strategie. Quali le vostre?
Innanzitutto, come dicevo poc’anzi, operare a livello nazionale ma, al contempo, essere fortemente presenti a livello locale, perché le esigenze, le richieste, le consuetudini, le tipologie di approccio variano molto nel nostro Paese.

Nella nostra strategia fondamentale è il supporto - sostegno, si direbbe nel linguaggio del rugby - che forniamo ai nostri distributori a vari livelli, a partire da quello tecnico, grazie al nostro team di professionisti dall’esperienza consolidata.
Capto fornisce assistenza costante sui prodotti, sulle integrazioni e sulle innovazioni tecnologiche e di sistema. Il fatto di essere quel collante tra i produttori ed i distributori, ci permette di anticipare le richieste del mercato sotto vari profili, creando vantaggio competitivo, perché facciamo incontrare  velocemente e costantemente, praticamente in real time, le esigenze che arrivano dagli operatori a livello di distribuzione, con il know how e la Ricerca & Sviluppo dei produttori, accelerando così i tempi per arrivare alla linea di produzione stessa.

Capto_Rugby2

Tommaso Allan, mediano d’apertura, ITALIANA SENSORI         Michele Lamaro, terza linea, PIXVIDEO

Molti poi anche gli strumenti che Capto mette a disposizione, a partire dal Portale B2B ed alle consulenze per il supporto commerciale, grazie ai nostri Sales Tutors.

Altro punto focale per Capto è rappresentato dalla formazione, aspetto imprescindibile per crescere nel business. Assicuriamo aggiornamento costante, che forniamo soprattutto online in questo periodo, vista l’attuale situazione, ma appena possibile saranno corsi in presenza ed in loco.

Ulteriore aspetto, il supporto alle attività di marketing, sia a livello di consulenza che con strumenti di comunicazione multimediale.

A tal proposito rientrano nella nostra strategia i Capto Points, i nostri diciamo “avanti”, ovvero quei distributori partners che hanno sposato il progetto adattandolo alle peculiarità del territorio.
A breve li presenteremo nel loro insieme, in quanto rappresentano per noi - come nel rugby, dove i due ruoli sono speculari - i nostri attaccanti ed al contempo i nostri difensori, ovvero coloro che difendono le regole e la filiera pur attaccando il mercato, perché alla fine l’importante è segnare la meta a vantaggio di tutta la squadra.

Capto_Rugby3

Tiziano Pasquali, pilone, SICEP.

Appare chiaro dalle sue considerazioni che CAPTO nasce da un'idea, da una nuova vision del mercato della distribuzione di sicurezza. Quale dunque la vostra nel breve/medio futuro del settore?
L’idea che sta alla base della nascita di Capto è molto semplice: uniti si vince. Può sembrare banale ma se non impariamo sul serio a fare squadra, a fidarci e ad affidarci alle competenze di ogni attore del mercato, se non supportiamo efficacemente tutti i membri della squadra, dando loro gli strumenti di cui hanno bisogno, non stiamo lavorando bene e non creiamo qualità e differenziazione nel nostro settore. Capto è l’attore che crea questa sinergia, tra produttori, e tra produttore e distributore, rendendo più agevole il lavoro di entrambi: il nostro claim Beyond Security rappresenta proprio questo, perché oltre al prodotto, vi sono i servizi, la competenza, i rapporti umani, la stima professionale che fanno di un gruppo, una squadra.

a cura di Monica Bertolo

16.04.2021


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

CAME acquisisce la brasiliana Nepos Sistemas

CAME estende il proprio orizzonte di mercato e acquisisce l’azienda brasiliana Nepos...

Passwords: i 10 consigli di Kaspersky

Passwords: la necessità di proteggerle è sempre più attuale e, secondo...

TKH Security anche in Italia: ridare centralità alle eccellenze europee

TKH Security è dal 1° di Gennaio operativa anche in Italia: da tale data, infatti,...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.