Sicurezza IT // Scenari

Il crimine informatico a Natale causerà perdite tra i 50 e 5.000 dollari per ogni violazione subita dai consumatori

Condividi

Il Natale è la stagione ideale in cui i criminali informatici di tutto il mondo possono fare incetta di “regali natalizi”. I consumatori che prevedono di acquistare i propri regali di Natale online potrebbero essere a rischio di perdite tra i 50 e i 5.000 dollari per truffe informatiche, come sottolinea Dimension Data, membro del NTT Group.

E con l’aumento dell’adozione di molteplici dispositivi - cellulari, tablet, laptop e PC – lo shopping online è diventato più accessibile e conveniente. Se a questo si aggiunge il fatto che più paesi dispongono di maggiore larghezza di banda rispetto al passato, non sorprende che il 2017 sarà l’anno peggiore in termini di numero di crimini informatici che si verificheranno durante le imminenti festività.  

Sulla base della ricerca condotta da Barclays, più di un quarto di tutte le truffe online nel Regno Unito si verificano in occasione del Natale, mentre il ThreatMetrix prevede 50 milioni di cyber attacchi globali. In particolare, i paesi con forti previsioni finanziarie e un elevato livello di adozione mobile sono tra i principali obiettivi di attacchi. Al contempo, il trimestrale Threat Intelligence Report rilasciato la scorsa settimana da NTT Security rivela che gli attacchi globali di phishing sono cresciuti in modo preoccupante del 74% nel terzo trimestre del 2017.

Mark Thomas, Security Strategist di Dimension Data, dichiara: “Nelle prossime sei settimane assisteremo a un incremento delle campagne di email phishing, attacchi ransomware, trojans bancari, così come alla nascita di siti web fraudolenti che promuovono offerte speciali come pacchetti vacanze scontati. Le gift card false, che potrebbero portare gli utenti verso siti non sicuri o a scaricare file dannosi per i propri dispositivi, diventeranno sempre più diffuse.”

Inoltre, sulla lista della spesa dei cyber criminali compaiono anche notifiche fasulle sullo stato di consegna delle spedizioni pensate per invogliare a cliccare su link malevoli, offerte speciali indesiderate e false ricevute per acquisti online che richiedono l'apertura di allegati contenenti ransomware.

Cosa vogliono i criminali informatici?
Thomas afferma che i criminali informatici sono alla ricerca di due cose: i dati delle carte di credito da usare per i loro acquisiti, dilapidando così i conti degli utenti. Inoltre, mirano alle informazioni sull’identità personale, come user name, password e informazioni contenute sui siti visitati regolarmente. “Se un cyber criminale riesce ad accedere alle credenziali personali, potrà utilizzarle su molteplici siti e piattaforme spacciandosi per l’utente frodato.”

Il ruolo delle aziende, dei rivenditori e dei familiari
Le aziende devono educare i propri dipendenti, che si connettono alla rete aziendale, a rimanere sempre vigili durante le prossime festività. “Fornire un’autenticazione multi-fattore per accedere ai sistemi aziendali è un ulteriore passo per contrastare i criminali informatici. Questo, infatti, fa si che gli attacchi alle credenziali personali siano più difficoltosi per gli attentatori,” spiega Thomas e sottolinea che i rivenditori, in particolare, devono alzare il livello di allerta in quanto i cyber criminali cercheranno di approfittare proprio di queste realtà durante il periodo natalizio.

Bambini, genitori e parenti, che non sono esperti di queste tematiche, devono essere educati e protetti per non diventare anch’essi vittime di attacchi informatici. “Oggi, esistono parental controls che possono essere applicati ai telefoni cellulari – simili a quelli integrati sulla TV. La maggior parte dei telefoni moderni sono già dotati in automatico di sistemi per la verifica delle applicazioni che consentono di scaricare app solamente da fonti affidabili,” conclude Thomas.

I consigli di Dimension Data per acquisti online sicuri
• Non utilizzare mai Wi-Fi pubblici per effettuare acquisti online.
• Mai aprire email, cliccare su link o aprire allegati provenienti da fonti sconosciute.
• Assicurarsi di scaricare sul proprio dispositivo solo applicazioni provenienti da fonti conosciute e affidabili
• Non condividere mai user name, password o altre informazioni personali online.
• Utilizzare un sistema di gestione delle password che consenta di archiviare e gestire in modo sicuro tutte le credenziali da un’unica postazione.
• Diffidare di email indesiderate che promettono offerte entusiasmanti e non aprire i relativi allegati.
• Prestare attenzione all’icona del lucchetto visibile sul proprio browser per confermare la crittografia che garantisce che il sito web da cui si sta acquistando è sicuro e attendibile.
• Usare la carta di credito piuttosto che la carta di debito e non registrare i dettagli della carta online.
• Assicurarsi l’aggiornamento costante dei sistemi di antivirus e patching sui propri dispositivi.
• Controllare spesso l’estratto conto bancario e segnalare immediatamente alla propria banca addebiti non autorizzati o sospetti.

la Redazione
 

06.12.2017


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Sicurezza informatica: l’Italia a novembre peggiora nella classifica mondiale dei Paesi più attaccati

I dati del Global Threat Impact Index di novembre di Check Point® Software Technologies Ltd....

Affrontare l'inverno

L’inverno è una stagione che, grazie al freddo e al buio (anche se non li amiamo...

Paolo Vento: la forte presenza di Sicurit in Italia ed all'estero

A Fiera Sicurezza S News incontra Paolo Vento, Amministratore Delegato Sicurit. Forte la...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.