Tecnologie e Servizi // Zoom

Dahua: NVR5000-I AI protezione perimetrale intelligente e oltre

Condividi

Dahua Technology Italy presenta la nuova serie di videoregistratori IP NVR5000-I AI, potenziata dall’intelligenza artificiale (AI). La serie NVR5000-I AI offre una suite completa di soluzioni, che spaziano dalla protezione perimetrale, alla face recognition, al people counting, alla lettura targhe, nonché ai metadati e a molto altro ancora.

LE CARATTERISTICHE DELLA  SERIE NVR5000-I AI DI DAHUA
Allo stato attuale la line-up si compone di 5 modelli: due da 16 canali (NVR5216-8P-I e NVR5216-16P-I, rispettivamente con 8 e 16 porte PoE); due da 32 canali (NVR5432-16P-I e NVR5832-I) e, infine, il ragazzone della compagnia: l’NVR5864-I, da 64 canali.

Entrando nel merito di ciò che sono in grado di fare questi dispositivi, si può cominciare dalla protezione perimetrale: a questo proposito, occorre venire incontro alle esigenze dell’utente finale, che di norma cerca affidabilità e notifiche tempestive dell’allarme al verificarsi di un’intrusione, localizzazione e tracciamento accurati e costi di manutenzione ridotti, e a quelle dell’installatore, o del system integrator, che non disprezza facilità di configurazione, alte prestazioni e competitività sul mercato.

Perfezionata dall’AI, la protezione perimetrale Dahua, rispetto all’IVS (analisi video) tradizionale, riesce a distinguere i condizionamenti ambientali come pioggia, animali, movimento del fogliame ed effetti di luce dalle minacce autentiche, riducendo al minimo i falsi allarmi e i falsi negativi. Tutto questo è possibile mantenendo intatte spese per la manutenzione e semplicità di installazione.

Necessitando del 64% di pixel in meno rispetto all’analisi video classica (30p x 30p invece di 50p x 50p) per individuare un accesso non autorizzato e innescare l’allarme, senza minare accuratezza né margini d’errore, la protezione perimetrale consente alle telecamere di monitorare spazi più ampi da distanze superiori. Tutti i veicoli e gli esseri umani presenti all’interno dell’inquadratura,  anche se in gruppo, vengono rilevati individualmente, contati e tracciati.

Gli algoritmi deep learning permettono di impostare diverse regole di violazione del perimetro a seconda del tipo di soggetto che le infrange: per esempio, il transito di un veicolo innesca l’allarme mentre quello di un pedone no, o viceversa. Anche le ricerche dei filmati seguono il medesimo principio, potendo selezionare canale, orario di inizio e fine, tipo di evento, allarme e soggetto che lo ha fatto scattare (persona o veicolo, motorizzato o meno).

I CAMPI DI APPLICAZIONE DELLA  SERIE NVR5000-I AI DI DAHUA
I campi di applicazione possono essere qualsiasi scenario che richieda un livello di sicurezza elevato e una precisione degli allarmi pressoché infallibile: aeroporti, banche, confini di stato, scuole, stabilimenti energetici, stazioni, strutture penitenziarie, ville, musei, ed altro ancora. A questo riguardo, i Musei Vaticani hanno scelto Dahua Technology Italy come partner tecnologico per la videosorveglianza: l’accordo quinquennale fornirà così a Dahua un territorio ideale dove sviluppare appieno le potenzialità di questa funzione.

I modelli della serie di NVR5000-I AI offrono fino a 16 canali di protezione perimetrale, ognuno dei quali dotato di 10 regole IVS.

Nello specifico, l’NVR5216-16P-I di Dahua dispone di un’interfaccia con 16 porte PoE: dalla 1 alla 8 supportano anche l’ePoE (trasmissione del segnale video in 4K fino a 300 metri) e l’EoC (Ethernet over Coax), agevolando notevolmente la transizione dagli impianti analogici a quelli IP.

Alla già citata protezione perimetrale si aggiungono il face recognition in tempo reale (4 canali, 24 volti processati al secondo confrontati con quelli presenti nei 20 database della capacità totale di 100.000 profili), la ricerca approfondita per metadati (volti, veicoli e indumenti) o immagini, 4 canali di lettura targhe ANPR (disponibile con le telecamere ITC nel front-end) e funzionalità di business intelligence particolarmente utili come people counting e heat map.

In definitiva, una soluzione globale e versatile che valica i limiti della protezione perimetrale standard, creando valore concreto per tutti gli attori coinvolti.

la Redazione

22.02.2019


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Dahua Solution Day: come, dove, quando e perché?

Dahua Solution Day in meno di 4 mesi ha già realizzato 65 eventi in tutta Italia. S News...

Mirai mira ora ai dispositivi IoT aziendali. Che fare?

Mirai, la botnet che ha al suo interno moltissimi exploit, il che la rende molto pericolosa e...

IFI: Data Localization nuova frontiera del protezionismo economico

Ifi Advisory, nella persona di Lorenzo Romani, Open Source Intelligence Analyst, Unità...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.